Centro Studi Cesare Ferrari - torna alla home  
home page seguiti su facebook
  • Fondo FOR.TE
    • iscrizione, costi e vantaggi
      • Quando si può aderire al Fondo For.Te.?
      • L’adesione a For.Te. è totalmente gratuita, cioè non comporta alcun onere/costo né per l’Autoscuola o Studio di Consulenza, né per i Dipendenti; e ha semplicemente il significato di “ordinare” all’INPS il versamento a proprio nome al Fondo del corrispondente ammontare contributivo (per la disoccupazione involontaria) nella percentuale prevista (questo contributo viene già comunque versato allo stesso modo e nella stessa misura, e, se non si aderisce al Fondo, semplicemente resta all’Inps).
      • Come si fa ad aderire al Fondo For.Te.?
      • Basta che il Consulente del lavoro o il Consulente fiscale dell’Autoscuola o Studio di Consulenza indichino nella denuncia UNIEMENS (ex DM/10), obbligatoria da gennaio 2010, il codice di adesione “FITE” nella sezione Posizione Contributiva, Denuncia Aziendale, Fondo Interprofessionale, Adesione; e, a seguire, scrivano il numero dei Dipendenti (quadri, impiegati e operai) occupati interessati dall’obbligo contributivo. Solo per le Aziende eventualmente provenienti da altri Fondi è necessario indicare prima il codice di revoca “REVO” e poi il codice di adesione “FITE” sul modello INPS.
      • Perché un’Autoscuola o uno Studio di Consulenza dovrebbe aderire al Fondo For.Te.?
      • Un’Autoscuola o uno Studio di Consulenza, che abbia in forza Dipendenti regolarmente assunti con contratto di lavoro, aderendo al Fondo For.Te. può accedere ad attività di formazione finanziata, cioè formare, aggiornare, riqualificare periodicamente i propri Dipendenti a costi molto bassi o talvolta gratuitamente. Per poter accedere alle attività bisognerà anche iscriversi al “Centro Studi Cesare Ferrari” (anche questa iscrizione è totalmente gratuita), che si occupa della gestione delle domande al Fondo (istruzione della procedura di finanziamento) e delle attività (erogazione dei percorsi formativi), così che nessuna incombenza burocratica sarà in carico all’Autoscuola o Studio di Consulenza
      • I miei Dipendenti conoscono già il lavoro; a che cosa serve la formazione?
      • Oggi è fondamentale il cosiddetto lifelong learning, un termine inglese che possiamo tradurre con formazione lungo tutto il corso della vita: serve a far capire che nella cosiddetta attuale Società della conoscenza l'apprendimento e l’adattabilità ai continui cambiamenti tecnologici e organizzativi devono ormai svilupparsi come componenti permanenti della propria attività di lavoro e del proprio sviluppo personale. La formazione continua è uno strumento fondamentale per le Aziende che vogliono tenere vivo il motore della crescita e distinguersi sul mercato rispetto ai concorrenti, grazie a competenze sempre riqualificate, innovazione, arricchimento e potenziamento continuo delle capacità dei propri Lavoratori.
      • Cosa e' il fondo For.te?
      • La Legge 388/2000 ha istituito i cosiddetti Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali per la formazione continua, ovvero Organismi di natura associativa promossi dalle Organizzazioni di rappresentanza delle Parti Sociali attraverso specifici Accordi Interconfederali stipulati dalle Organizzazioni sindacali dei Datori di lavoro e dei Lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale. Tra i Fondi Interprofessionali per la formazione continua Fondo For.Te. è il più importante per numero di Aziende che lo hanno scelto ed è tra i maggiori per le risorse economiche e la quantità di formazioni finanziate. È rappresentativo di diversi settori economici (Imprese che operano nel Terziario: Commercio, Turismo, Servizi, Logistica, Spedizioni, Trasporti) ed è promosso da CONFCOMMERCIO, CONFETRA e CGIL, CISL, UIL. L'obiettivo principale di For.Te. è finanziare, e dunque favorire e incrementare, l’utilizzo della formazione continua da parte delle Aziende e dei Lavoratori occupati, ottenendo così un costante miglioramento della qualità, competenza e preparazione del Personale. L’attività del Fondo è quella di mettere a disposizione delle Aziende e dei Lavoratori risorse per il finanziamento di piani formativi aziendali, territoriali, settoriali e individuali. Dal 2003 le Imprese possono aderire volontariamente e gratuitamente, chiedendo all’INPS, mediante indicazioni sul DM10/02, di trasferire lo 0,30% dei contributi, comunque dovuti, versati all’INPS stessa (il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria” previsto dalla Legge 845 del 1978), a uno dei Fondi nazionali.




Scopri i vantaggi dell'essere socio Centro Studi
Sedi per corsi autotrasporto
Sedi Centri Servizi Avanzati per la Sicurezza - Formatori
Sedi Corsi agg.to insegnanti istruttori
Sede Corsi cronotachigrafi
Intestazioni Temporanee (PDF) art.94 cds
2017
2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
Manuali operativi DTT
Tasso di interesse
e-learning i corsi on line del Centro  Studi accesso utenti registrati, Studi e Scuole accesso aera Direttori di  corso
HOME | CHI SIAMO | FAQ
Centro Studi Cesare Ferrari - Viale di Val Fiorita, 88 00144 Roma EUR - p.iva 05971301006
tel. e fax : 06-54210921
www.cesareferrari.it - info@cesareferrari.it - privacy policy